La Milano Fashion Week di giugno 2024 ha presentato una varietà di tendenze innovative per la primavera estate 2025. Dalle silhouette dinamiche ai look che sfidano le norme di genere, questa edizione ha dimostrato ancora una volta perché Milano è una delle capitali mondiali della moda. In questo articolo, esploreremo alcune delle tendenze più significative emerse durante l’evento, evidenziando le collezioni di marchi iconici e nuovi talenti.

Milano fashion week giugno 2024 Prada La collezione di Prada per la primavera estate 2025, presentata da Miuccia Prada e Raf Simons, esplora il tema della libertà e dell’ottimismo giovanile. Ambientata in uno spazio della Fondazione Prada trasformato in un “fairytale ravescape”, la collezione ha proposto capi che sembravano vivere una vita propria. Le silhouette sono volutamente stropicciate e distorte, con camicie attorcigliate attorno al corpo e pantaloni stretti che cadono bassi sui fianchi. Le stampe trompe l’oeil e gli occhiali da sole con visiere decorate aggiungono un tocco surreale alla collezione, riflettendo una spontaneità e una decisa energia.

Martine Rose ha portato un tocco di underground londinese a Milano, con una collezione che sfida le convenzioni. Presentata in un edificio industriale, la collezione ha visto modelli indossare gonne a matita, calze a rete e parrucche lunghissime. Gli elementi distintivi di Rose, come magliette da calcio rimpicciolite e tute da ginnastica deformate, sono presenti in abbondanza. La collezione riflette i codici di abbigliamento della nightlife, mantenendo un forte legame con l’ironia e l’audacia tipiche di questo brand​.

Sotto la direzione creativa di Simon Holloway, Dunhill ha esplorato il concetto di “classicismo radicale”. Ambientata in un giardino milanese, la collezione ha spaziato dai giacconi in camoscio con guanti da guida ai completi da mattina neri con sciarpe in seta avorio. La gamma di look, che andava dal casual allo sportivo fino all’elegante, rifletteva un’estetica britannica raffinata, adatta a eventi estivi di alta società​.

Milano fashion week giugno 2024 ArmaniEmporio Armani ha presentato una collezione caratterizzata da un’estetica rilassata e leggera. Con un focus su tessuti traspiranti e silhouette ariose, la collezione comprende colori neutri e pastello, puntando su comodità ed eleganza. I capi, adatti sia per il giorno che per la sera, esprimono una sofisticatezza senza sforzo, perfetta per le giornate estive​.

Sotto la nuova direzione creativa di Adrian Appiolaza, Moschino ha superato le aspettative con capi di abbigliamento che combinano elementi eccentrici e giocosi. La collezione presenta una varietà di look che sfidano le norme tradizionali, con una particolare attenzione ai dettagli e un approccio audace alla moda maschile.

Con l’attenuarsi delle norme di genere, molti designer hanno scelto di esplorare look che sfidano le convenzioni tradizionali. John Richmond ha eliminato completamente la camicia, Gucci ha optato per tessuti trasparenti, mentre Prada ha messo in mostra l’ombelico. Moschino ha lasciato molte camicie sbottonate, enfatizzando un approccio libero e disinibito alla moda maschile. Questi look riflettono un mondo più aperto e inclusivo, dove l’abbigliamento non è più vincolato da rigidi standard di genere​

Il look Varsity ha ricevuto una rinnovata attenzione, combinando stile collegiale classico con un tocco contemporaneo. Emporio Armani ha tratto ispirazione dall’eleganza equestre, presentando capi in toni terrosi e tessuti pregiati. Fendi ha integrato il suo iconico emblema doppia F in maglieria e capispalla ispirati al Varsity, fondendo tradizione e innovazione. Prada e Magliano hanno presentato cardigan aderenti, shorts preppy e pantaloni in delicati toni pastello con motivi stravaganti.

La Milano Fashion Week ha visto il debutto di nuovi talenti e il ritorno di marchi affermati. Adrian Appiolaza ha presentato la sua prima collezione maschile per Moschino, segnando un inizio promettente per il brand. Anche David Koma e Martine Rose hanno scelto Milano per i loro debutti, portando una ventata di novità e creatività sulle passerelle. Inoltre, marchi come JW Anderson e Dunhill hanno consolidato la loro presenza, dimostrando la capacità di Milano di attrarre creatività e stile da tutto il mondo.

 

 

 

it_ITIT