Max Mara è un nome che risuona forte nel mondo della moda, non solo per i suoi cappotti eleganti e senza tempo ma anche per il messaggio di empowerment femminile che trasmette. Sin dagli anni ’80 il marchio trasmette una sorta di femminismo di natura pragmatico diverso dal classico cliché del bruciare i reggiseni, ad esempio. Questo aspetto valoriale si riflette nella qualità e nel design dei capi, pensati per donne che desiderano avere il meglio per sé stesse. Parlo di un approccio che deriva in gran parte dallo spirito della madre del fondatore, Achille Maramotti, la quale desiderava un futuro migliore per suo figlio e per le donne in generale.

max mara storia 2024 IILe brochure storiche di Max Mara sono un chiaro esempio di come l’azienda abbia sempre cercato di migliorare la consapevolezza e l’autostima delle donne. Ogni brochure non era solo un mezzo per vendere un prodotto ma un veicolo d’insegnamento e d’ispirazione. Le parole scelte con cura e le immagini eleganti parlavano direttamente alle donne, incoraggiandole a vivere in modo più consapevole e a migliorarsi continuamente.

L’archivio di Max Mara è una risorsa inestimabile che testimonia l’evoluzione della moda e del ruolo della donna nella società. Ian Griffiths, direttore creativo del marchio, ha sottolineato come ogni pezzo conservato nell’archivio rappresenti un momento della storia del brand e del suo impegno nel promuovere l’empowerment femminile. Griffiths, che lavora con Max Mara da oltre trent’anni, ha descritto l’archivio come una “biblioteca vivente” di moda e cultura.

I cappotti di Max Mara, in particolare, sono diventati un simbolo di questo femminismo pragmatico. Ogni cappotto è progettato per essere funzionale, elegante e duraturo, riflettendo l’idea che le donne meritano il meglio in termini di qualità e stile. Questi capi non solo proteggono dal freddo ma avvolgono chi li indossa in un senso di potere e fiducia.

Il “101801”, il cappotto cammello classico di Max Mara, è un esempio perfetto: creato nel 1981, questo capo è diventato un’icona di stile, indossato da donne di tutto il mondo. Non è solo un cappotto, ma un pezzo di storia, un simbolo di come la moda possa influenzare positivamente la vita delle donne.

max mara IIMax Mara è riuscita a coniugare innovazione e tradizione, rimanendo sempre fedele ai propri valori. La costante ricerca di materiali di alta qualità e l’attenzione al dettaglio sono aspetti che caratterizzano ogni collezione. La tradizione sartoriale italiana, combinata con un design moderno, crea capi che non solo seguono le tendenze, ma le stabiliscono.

L’azienda ha anche investito in tecnologie all’avanguardia per garantire che i suoi prodotti siano sostenibili e rispettosi dell’ambiente. Questo impegno verso la sostenibilità riflette un’altra sfaccettatura del femminismo di Max Mara: la responsabilità verso il pianeta e le generazioni future.

Guardando al futuro, Max Mara continua a essere un faro di empowerment per le donne. Le nuove collezioni continuano a portare avanti il messaggio di femminismo pragmatico, combinando stile, qualità e funzionalità. La leadership dell’azienda, sotto la guida di Ian Griffiths e della famiglia Maramotti, continua a promuovere una visione inclusiva e progressista.

L’archivio continuerà a svolgere un ruolo cruciale, non solo come fonte di ispirazione per nuove creazioni ma anche come testimone della storia e dell’evoluzione del ruolo delle donne nella società. Le future generazioni di designer e appassionati di moda potranno consultarlo per capire meglio il contributo dato da Max Mara al mondo della moda e al movimento femminista.

 

 

it_ITIT